Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

Servizio Archivistico Nazionale

Archivi d'impresa

1964

Brigitte Bardot sulla copertina di "Vado e torno", rivista edita da Pirelli per gli autotrasportatori (Fondazione Pirelli).

 
 

9 gennaio La Commissione nazionale per la programmazione economica presenta il “Rapporto Saraceno”, che attesta il fallimento degli obiettivi di industrializzazione del Meridione e sollecita nuove modalità di intervento pubblico per sanare gli squilibri persistenti; riafferma la validità degli indirizzi di modernizzazione del Paese e indica la necessità di riforme in campo urbanistico, dei servizi sociali e della legislazione commerciale

18 febbraio Ugo La Malfa propone un programma organico di intervento economico: la “politica dei redditi” prefigura interventi di controllo della dinamica delle retribuzioni, ma anche dei profitti, degli utili e delle rendite; l’aumento delle imposte su alcuni beni di consumo e la gestione puntuale degli investimenti

22 febbraio Il Governo vara una serie di provvedimenti per fronteggiare la crisi, dalla tassazione sull’acquisto delle automobili all’aumento del prezzo della benzina, alla introduzione della cedolare sui titoli azionari; l’aggravarsi della situazione nei mesi seguenti provoca un richiamo da parte della Cee (aprile), che sollecita l’Italia a una politica deflazionistica, di stabilizzazione monetaria e controllo dei redditi

3 marzo L’arresto di Felice Ippolito, Segretario del Comitato nazionale per l’energia nucleare (Cnen), con accuse di illeciti penali, apre una questione sulle scelte nazionali di politica energetica: la sua condanna (ottobre), molto discussa in sede politica e nell’opinione pubblica, segna l’arresto del programma di ricerche nel settore dell’energia nucleare per fini pacifici e del piano di investimenti industriali che puntava a diversificare le fonti di energia per il Paese

26 giugno Dimissioni del Governo Moro, in minoranza alla Camera sul tema del finanziamento alla scuola privata; si apre una fase di prolungata instabilità politica e forte disaccordo fra i partiti già al Governo (Dc e Psi) in merito agli strumenti e agli obiettivi della politica economica

22 luglio Nel secondo Governo Moro (Dc, Psi, Psdi, Pri) prevale la linea moderata: le posizioni riformiste favorevoli a un ampio intervento di politica economica anticongiunturale sono sconfitte

24 agosto Muore Palmiro Togliatti, Segretario del Pci; Luigi Longo è il nuovo segretario del partito

4 ottobre Viene inaugurato l’ultimo tratto dell’Autostrada dal sole Milano-Napoli

24 ottobre Il Presidente del Consiglio Aldo Moro inaugura il primo altoforno del IV centro siderurgico di Taranto

29 ottobre Costituzione della Società italiana per l’esercizio telefonico (Sip), che incorpora nella ex Società idroelettrica piemontese le cinque società concessionarie della telefonia sul territorio nazionale: Stipel, Telve, Timo, Teti e Set; la nuova società rientra nel gruppo Iri attraverso il controllo della finanziaria di settore Stet

28 dicembre Giuseppe Saragat è eletto Presidente della Repubblica con i voti della Dc e delle sinistre (Psdi, Psi, Pri, Pci)