Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

Servizio Archivistico Nazionale

Archivi d'impresa

1993

Immagine pubblicitaria del personal computer "Quaderno" della Olivetti, 1993 (Associazione archivio storico Olivetti, fondo Olivetti).

 
 

1° gennaio Costituzione dell’Unione Europea

15 gennaio A Palermo viene arrestato il capo dell’organizzazione mafiosa Cosa nostra, Totò Riina, latitante da più di vent’anni

11 febbraio Craxi è costretto alle dimissioni da Segretario del Psi

13 febbraio Gabriele Cagliari, Presidente dell’Eni, riceve un avviso di garanzia relativo alle indagini sull’affare Enimont; in marzo è arrestato e confessa di aver finanziato con 20 miliardi di lire Dc e Psi; nei mesi seguenti l’inchiesta per corruzione coinvolge i vertici Fiat e Toro assicurazioni a Torino e, sul versante politico, il segretario del Pri Giorgio La Malfa

7 marzo Il Presidente Scalfaro non firma il decreto legge relativo alla depenalizzazione dei reati legati al finanziamento illecito dei partiti

25 marzo Viene approvata la legge elettorale che modifica le elezioni comunali e provinciali (elezione diretta in due turni del Sindaco e del Presidente della Provincia)

27 marzo Un’inchiesta della Procura di Palermo porta alla formulazione dell’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso per Giulio Andreotti e altri esponenti democristiani; Andreotti rinuncia all’immunità parlamentare

18 aprile Nella tornata referendaria (8 quesiti) viene approvata, fra l’altro, l’abolizione dei Ministeri delle Partecipazioni Statali, del Turismo e Spettacolo e dell’Agricoltura

22 aprile Il Presidente del Consiglio Amato si dimette sotto il peso delle inchieste giudiziarie che coinvolgono gli esponenti dei partiti di Governo: è il segnale del crollo del sistema dei partiti costituitosi nel dopoguerra

28 aprile Carlo Azeglio Ciampi, Governatore della Banca d’Italia, riceve l’incarico di formare un nuovo Governo in cui entrano a far parte anche Ministri del Pds e Verdi. Quando la Camera respinge l’autorizzazione a procedere richiesta dalla Procura di Milano nei confronti di Craxi, Pds e Verdi ritirano i Ministri dal Governo

4 maggio Il Governo Ciampi riceve il voto favorevole di Dc, Psi, Pli, Psdi e l’astensione di Pds, Pri, Verdi, Lega Nord

4 maggio Antonio Fazio è nominato Governatore della Banca d’Italia

12 maggio Viene arrestato a Roma il Presidente dell’Iri Franco Nobili, accusato di corruzione e finanziamento illecito ai partiti; Romano Prodi torna alla Presidenza dell’istituto

21 maggio Il repubblicano Oscar Mammì, ex Ministro delle Poste e Telecomunicazioni, è indagato per illeciti relativi alla concessione delle frequenze televisive; nell’inchiesta sono coinvolti anche Giorgio la Malfa e i vertici Fininvest

27 maggio A Firenze l’esplosione di un’autobomba in via dei Georgofili provoca la morte di cinque persone e gravi danni alle abitazioni e al patrimonio storico-artistico (Galleria degli Uffizi); le indagini individuano la matrice mafiosa dell’attentato

5-20 giugno Elezioni comunali e provinciali con la nuova formula dell’elezione diretta del Sindaco secondo il sistema maggioritario a doppio turno: lo schieramento di sinistra conquista la maggioranza dei Comuni con 72 Sindaci (fra le grandi città: Torino e Catania), la Lega Nord 16 (Milano), come il Msi; la Dc 9 e il Psi 2

30 giugno Il Governo approva il decreto di privatizzazione per Enel, Agip, Stet, Imi, Credito italiano, Banca commerciale italiana, Ina

20 luglio Gabriele Cagliari, ex Presidente dell’Eni, arrestato per l’affare Enimont, si suicida nel carcere di San Vittore a Milano

23 luglio Raul Gardini, coinvolto nell’affare Enimont, e consapevole che le indagini ormai sono indirizzate su di lui, si suicida nella sua casa di Milano; nello stesso giorno vengono arrestati tutti i dirigenti del gruppo Ferruzzi

27 luglio Dopo la strage di Firenze (via dei Georgofili), altri due attentati di stampo mafioso colpiscono Milano (in via Palestro, 5 morti) e Roma (San Giovanni in Laterano e San Giorgio al Velabro, con danni alle due chiese)

3-4 agosto Approvazione della legge elettorale che introduce il sistema misto, maggioritario a turno unico con collegi uninominali per il 75% dei seggi, e alla Camera il 25% su base proporzionale, mentre al Senato il 25% viene eletto con sistema dello “scorporo”; per la Camera si definisce uno sbarramento del 4%

novembre-dicembre Nuova tornata di elezioni locali: la sinistra vince nei principali Comuni (Roma, Napoli, Palermo, Genova, Trieste, Venezia)

novembre Silvio Berlusconi, Presidente della Fininvest, prefigura il suo impegno politico contro le sinistre e avvia la trasformazione del movimento dei club “Forza Italia” in partito politico