Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

Servizio Archivistico Nazionale

Archivi d'impresa

Napoli 1918 - 1945: Anni difficili

Il periodo che va dalla fine della Prima guerra mondiale alla fine della Seconda è a Napoli quanto mai sofferto. Comincia infatti con il severo  ridimensionamento di un apparato industriale bellico gonfiato dalle commesse statali, che i processi di riconversione produttiva non riescono a contenere: la manodopera operaia si riduce drasticamente a Napoli  e  provincia, tornando addirittura indietro rispetto al 1915.
Un’eccezione è certamente costituita dalla operazione di concentrazione operata da Bruno Canto alle Manifatture cotoniere meridionali, che tuttavia vivranno negli anni Venti una espansione dovuta più a una competitività di cambio che di prodotto, risultando poi fortemente ridimensionate in seguito alla prolungata politica di rivalutazione continua

  • 14 luglio 1919

    Si costituisce la società Armstrong-Ilva, frutto del processo di concentrazione fra siderurgia e meccanica napoletana. L'intesa sarà sciolta nell'estate del 1921, di fronte all'imminente tracollo dell'Ilva di Max Bondi
  • 1925

    Per volontà politica e su iniziativa dei dirigenti fascisti napoletani riapre lo stabilimento Ilva di Bagnoli, chiuso alla fine del 1920 in seguito agli effetti del processo di riconversione post-bellica
  • 1926

    In seguito alla nuova legge bancaria, il Banco di Napoli (insieme al Banco di Sicilia) perde la facoltà di emissione ed è trasformato in Istituto di diritto pubblico
  • 1932

    Viene aperta al traffico l'autostrada Napoli-Pompei, una delle prime in Italia, opera della Società autostrade meridionali costituita il 21 maggio 1925
  • 9 maggio 1936

    Mussolini annuncia la nascita dell'Impero con la costituzione dell'Africa orientale italiana: ne segue il rilancio del porto di Napoli, dove la flotta dell'armatore Achille Lauro amplia fortemente la propria attività
  • 1938

    Costituzione della Società esercizio pubblici servizi automobilistici (Sepsa), emanazione dell'Ente autonomo Volturno (Eav), che rileva la Ferrovia Cumana
  • 1938

    È costituito l'Istituto per lo sviluppo economico dell'Italia meridionale (Isveimer), che resterà sostanzialmente inoperoso fino al dopoguerra
  • 1939

    In seguito alla riorganizzazione dell'industria cantieristica napoletana, per iniziativa dell'Iri è costituita la Navalmeccanica