Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

Servizio Archivistico Nazionale

Archivi d'impresa

Cassa rurale ed artigiana di Impruneta, Impruneta (Firenze), 1914 -

Soggetto Produttore
  • Forma autorizzata del nome

    Cassa rurale ed artigiana di Impruneta, Impruneta (Firenze), 1914 -
     
  • Altre denominazioni

    Cassa rurale ed artigiana di Impruneta

    Cassa rurale di depositi e prestiti di Santa Maria dell'Impruneta

    Banca di credito cooperativo dell'Impruneta

     
  • Tipologia

    Ente

     
  • Date

    Data di attivita' 1938 - 1994

  • Luoghi

    Sede non indicato

  • Qualifiche

    Tipo ente ente di credito, assicurativo, previdenziale

    Natura giuridica privato

  • Descrizione

    Il 2 agosto 1914, 21 persone riunite davanti al notaro Roberto Vivarelli dettero vita alla Cassa rurale di depositi e prestiti di Santa Maria dell'Impruneta, cooperativa di credito a responsabilità illimitata. Come la maggior parte delle casse rurali, anche quella di Impruneta nacque per dare una risposta concreta ai bisogni ed alle emergenze dei ceti più deboli da parte di un movimento cattolico sensibile e consapevole del proprio ruolo nell'ambito del credito e del risparmio. Tra i soci fondatori vi furono droghieri, coloni, fittavoli, operai, sarti e più in generale il ceto degli artigiani. Alla prima assemblea partecipò anche un sacerdote, il preposto Edoardo Casini, ed un prelato si trovava anche fra i sindaci revisori del primo Consiglio di amministrazione, mentre il rappresentante della Federazione interdiocesana delle casse rurali partecipò, significativamente, all'atto costitutivo della Banca. L'origine della Cassa imprunetina - che tenne la sua prima denominazione fino al marzo 1938 per poi assumere quella di Cassa rurale ed artigiana - era da collegarsi al sostegno delle attività sociali ed economiche dei cittadini cattolici di allora, ovvero al "mutuo soccorso", alla cooperativa di consumo e quindi alla cassa rurale. La prima sede della Cassa era adiacente alla chiesa, presso lo spazio dedicato al Circolo cattolico. Fra i 12 articoli dello statuto, l'art. 4 prevedeva che per essere soci occorreva essere "praticanti la religione cattolica". Uno degli scopi pri...