Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

Servizio Archivistico Nazionale

Archivi d'impresa

Cassa rurale ed artigiana di San Giovanni Valdarno, San Giovanni Valdarno (Firenze), 1912 -

Soggetto Produttore
  • Forma autorizzata del nome

    Cassa rurale ed artigiana di San Giovanni Valdarno, San Giovanni Valdarno (Firenze), 1912 -
     
  • Altre denominazioni

    Cassa rurale cattolica di prestiti "La Previdenza"

    Cassa rurale ed artigiana di San Giovanni Valdarno

    Banca del Valdarno credito cooperativo

     
  • Tipologia

    Ente

     
  • Date

    Data di attivita' 1912 -

  • Luoghi

    Sede San Giovanni Valdarno, Firenze

  • Qualifiche

    Tipo ente ente di credito, assicurativo, previdenziale

    Natura giuridica privato

  • Descrizione

    Fondata il 1° settembre 1912 dal parroco Don Antonio Torrini (1878-1973) con il nome di Cassa rurale cattolica di prestiti "La Previdenza" in San Giovanni Valdarno, la Banca nacque per rispondere alle esigenze degli artigiani e degli agricoltori, che costituivano la principale fonte di ricchezza della valle. L'inizio delle operazioni ebbe luogo il 13 ottobre 1912 in una stanza della canonica di San Lorenzo, che ospitò l'attività bancaria e le adunanze dei suoi organi societari fino al 1948. La banca aveva alle proprie dipendenze un solo incaricato volontario con compiti di segretario-contabile, non disponeva di alcuna sede ed aveva attivato un unico sportello, che rimaneva aperto soltanto due volte al mese. Tali caratteristiche rendono bene l'idea della modestissima attività avviata dalla Cassa: per i primi due decenni di vita i depositi furono scarsi, così come gli affidamenti, basati essenzialmente sulla fiducia. Sul versante esterno gravarono di li a poco le limitazioni legislative imposte dal regime fascista, seguite dai pesanti danni provocati dalla seconda guerra mondiale. La Cassa sopravvisse grazie anche alla collaborazione avviata con il Piccolo credito toscano (poi Banca Toscana) e con il Monte dei Paschi di Siena e divenne persino piccola azionista, nel 1918, con soli 2 titoli, della nascente Società agricola toscana. Localmente riuscì anche a soddisfare le richieste provenienti dal Comitato pro-disoccupati e dal Comitato per il monumento ai caduti. Nel 1938, c...