Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

Servizio Archivistico Nazionale

Archivi d'impresa

Fattoria di Petrognano, Rufina (Firenze), sec. XIX - 1980

Soggetto Produttore
  • Forma autorizzata del nome

    Fattoria di Petrognano, Rufina (Firenze), sec. XIX - 1980
     
  • Altre denominazioni

    Fattoria di Petrognano

     
  • Tipologia

    Ente

     
  • Date

    Data di attivita' 1866 - 1980

  • Luoghi

    Sede Rufina (Firenze)

  • Qualifiche

    Tipo ente ente economico/impresa

    Natura giuridica privato

  • Descrizione

    La fattoria è una casa signorile del '700, appartenuta alla mensa vescovile di Fiesole fino al 1866 quando, con l'incameramento dei beni ecclesiastici, cessò di appartenere alla curia. La villa fu acquistata da Paolo Budini, un bolognese che aveva goduto del beneficio della comminazione delle pene canoniche, come stabilito da Pio IX per coloro che avessero acquisito beni ecclesiastici. Alla sua morte, la villa passò ai suoi parenti; la famiglia Budini Gattai è tuttora proprietaria dell'immobile e delle sue pertinenze. Nel 1936 la fattoria si componeva dei seguenti poderi: Casapapi, Casaconti, Casasoldo, Cortigliano, Doccia, Gavignano, Gretole, Grosseto, Molino, olivo, Piano, Praticino, Rimaggio, S. Elena, S. Francesca, S. Francesco, S. Gilio, S. Maria, S. Romolo, S. Pietro, S. Paolo, Sommavilla, Vamperti, S. Cecilia, S. Anna, S. Leopoldo.