Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del turismo-Direzione generale archivi

Servizio Archivistico Nazionale

Archivi d'impresa

Nazione, territori, imprese.
Lo sviluppo economico e industriale italiano dall'Unità a oggi

Questa sezione nasce da un progetto promosso dalla Direzione Generale per gli Archivi in collaborazione con l’Università “Luigi Bocconi” di Milano.

È suddivisa in tre insiemi collegati:

- cronologia generale, relativa allo sviluppo economico del nostro Paese, suddivisa in sette scansioni temporali: 

(1861-1896) Prima dell’industria;
(1896-1918) La prima industrializzazione;
(1919-1945) Anni difficili;
(1945-1970) Gli anni gloriosi;
(1970-1980) Il decennio terribile;
(1980-1992) L’illusorio "boom";
(1992-2010) Il declino.

- cronologia territoriale, relativa a otto zone considerate “esemplari”

i tre grandi centri industriali del Nord:
Milano, Torino, Genova;

tre aree intermedie:
Parma, con il suo fiorente tessuto agro-alimentare;
Recanati, nelle Marche, un’area tipica della Terza Italia, che mostra la lunga fase di apprendimento per un settore industriale oggi fiorente, gli oggetti di plastica per abitazione;
Pescara, una città del Centro-Sud che pone in evidenza un misto di arretratezza e di vivacità artigianal-industriale;

due aree del Mezzogiorno caratterizzate da un’industrializzazione pesante:
Napoli, sede di industrie siderurgiche e metalmeccaniche;
Taranto che, dall’Arsenale e dai cantieri per la Marina, è passata drammaticamente alla costruzione del quarto centro siderurgico, alla metà degli anni Sessanta.

- imprese attive nei territori analizzati per valorizzare i documenti, contenuti negli archivi, che ne illustrano la storia:  Ansaldo, Banco di Napoli, Barilla, Bormioli, Cantieri Navali Tosi, Clementoni spa, Farfisa spa, Fater spa, Fonderie Camplone, Gruppo Guzzini, Ilva - Stabilimento di Bagnoli IVCentro siderurgico Italsider, Lancia&C., Manifatture Cotoniere Meridionali (Mcm),  Olivetti: l'industria come comunità,  Pirelli,  San Giorgio Elsag.

Alle otto zone iniziali si è aggiunta successivamente l'area di Venezia-Mestre, per la quale sono state approfondite le vicende imprenditoriali delle ditte Barovier&Toso, Bevilacqua srl, Orsoni srl, Rubelli spa.

 

Responsabile
Franco Amatori

Coordinatrice
Cinzia Martignone

Autori
Milano: Giorgio Bigatti
Genova: Marco Doria
Torino-Ivrea: Cinzia Martignone
Parma: Gian Luca Podestà
Recanati-Osimo-Castelfidardo: Roberto Giulianelli
Pescara: Paola Pierucci
Napoli: Nicola De Ianni
Taranto: Marina Comei
Venezia-Mestre: Paola Lanaro e Andrea Caracausi