Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

Servizio Archivistico Nazionale

Archivi d'impresa

CAPRONI, Giovanni Battista (Gianni)

La disgregazione del gruppo
Caproni è denunciato a Milano, dopo il 25 aprile 1945, per «atti rilevanti a mantenere in vigore il Regime fascista» e per collaborazionismo (aveva preso nel 1926 la tessera del Partito fascista, dal 1934 era Cavaliere del lavoro, nel 1937 era stato nominato squadrista ad honorem e dal 1940 Conte di Taliedo); a metà del 1946 verrà però prosciolto in istruttoria.
Il procedimento penale, durante il quale Caproni è latitante, insieme al sequestro dei beni e dei titoli propri e sociali, innescano il collasso del gruppo. In una fase accelerata di passaggio da un’economia guidata e bellica a un’economia di mercato e di pace, la riconversione delle imprese Caproni assume un carattere precario, sia nel riassetto produttivo, sia sul versante finanziario: la drastica stretta creditizia della fine del 1947 causa la definitiva disgregazione del gruppo.
Caproni infatti, dopo vari tentativi di raccogliere finanziamenti nel 1947, trattando a Parigi, Bruxelles e Londra, poi in Argentina e a New York, assiste alla serie di cessioni e liquidazioni delle imprese, dalla capofila alle collegate, nella prima metà degli anni Cinquanta. Muore a Roma nell’autunno del 1957.

 

Risorse archivistiche e bibliografiche
L’archivio privato Caproni è conservato presso la famiglia a Roma e a Venegono (Varese); una parte della documentazione bibliografica è ora deposita presso il Museo G. Caproni di Trento; si veda G. Alegi, «Senza cozzar dirocco», l’Archivio Caproni, in Il futuro della memoria. Atti del convegno internazionale di studi sugli archivi di famiglie e di persone, Capri, 9-13 settembre 1991, Roma, 1997, II, pp. 545-551 (Saggi, 45). Sulle vicende industriali del gruppo Caproni, cfr. A. Mantegazza, Caproni e l’industria aeronautica italiana (1910-1952), in «Archivi e imprese», IX, 1994, pp. 3-45. Per la nomenclatura e le caratteristiche degli aerei, si veda G. Caproni, Gli aeroplani Caproni. Studi, progetti, realizzazioni dal 1908 al 1935, Milano, 1937; R. Abate, G. Alegi e G. Apostolo, Aeroplani Caproni. G. C. ideatore e costruttore di ali italiane, Trento, 1992.