Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

Servizio Archivistico Nazionale

Archivi d'impresa

Gruppo Guzzini

Posate da insalata in corno, 1925 (Fratelli Guzzini spa, fondo Fratelli Guzzini spa).

 
 

Le origini del Gruppo Guzzini rinviano all’iniziativa imprenditoriale di Giuseppe, il primo produttore di pipe di radica censito a Recanati (1890). All’inizio del Novecento questi è costretto a chiudere la propria bottega, in crisi, e a emigrare in Argentina insieme con la propria famiglia e un nipote adolescente, primogenito di suo fratello Enrico, che lo raggiunge pochi mesi dopo.
A Buenos Aires Giuseppe apre un laboratorio per la fabbricazione di articoli per fumatori dove trova impiego anche Enrico; questi, una volta tornato a Recanati, nel 1912, avvia a sua volta un piccolo opificio per la costruzione di tabacchiere in corno. Per alcuni anni l’attività promossa da Enrico Guzzini resta circoscritta in un ambito strettamente locale e artigianale, finché nel dopoguerra – anche grazie all’ingresso nella ditta dei figli Mariano e Pierino – viene effettuata una prima diversificazione produttiva (calzascarpe, posateria per insalate) e dal 1929 la distribuzione si apre all’Italia settentrionale grazie all’opera prestata da un agente di commercio emiliano. 

 

Enrico e Annunziata Guzzini circondati da figli e nipoti, anni Trenta (Fratelli Guzzini spa, fondo Fratelli Guzzini spa).

 
 

La grande depressione degli anni Trenta colpisce anche la domanda di casalinghi e di articoli per tabagisti. I Guzzini la superano operando tre scelte: un ulteriore ampliamento della gamma dei prodotti con l’aggiunta di spatole, mestoli, palettine traforate e cucchiai di varie dimensioni; il contenimento dei costi, assicurato dall’acquisto in Francia delle convenienti corna provenienti dal Siam; la sperimentazione di nuovi materiali. Dopo un primo tentativo con la galalite, ottenuta dalla lavorazione degli scarti del latte, alla vigilia del Secondo conflitto mondiale la ditta Guzzini comincia ad adoperare gli sfridi di scarto del plexiglas venduti dalla Vetrococke di Porto Marghera, che realizza lastre di metacrilato per le carlinghe degli aerei. Questa nuova materia plastica, particolarmente resistente ed economica, permette alla Fratelli Guzzini (questa la ragione sociale assunta nel 1940, quando l’impresa è già da tempo diretta da tre dei figli di Enrico, cioè Mariano, Pierino e Silvio) di allargare ulteriormente il ventaglio della produzione, che si indirizza risolutamente verso gli articoli per la casa.